Il tempo necessario al dipendente per recarsi sul luogo di lavoro va considerato lavorativo, se lo spostamento è funzionale alla prestazione. Stampa E-mail

E’ quanto recentemente affermato dalla Corte di Cassazione, sez. lavoro, con sentenza n. 17511 del 27 luglio 2010.
Per la Suprema Corte, nel caso in cui lo spostamento sia funzionale alla prestazione, occorrerà tenerne conto ai fini della quantificazione dello stipendio.

Non solo, ma tale prestazione dovrà essere qualificata come lavoro a tutti gli effetti, anche in relazione al limiti di durata giornaliera e settimanale della prestazione di lavoro imposti dall’art. 2107 del codice civile.
La questione era stata recentemente affrontata anche dal Ministero del Lavoro con interpello n. 13/2010 del 2 aprile 2010, che ha chiarito come il D. Lgs. n. 66/2003, superando la normativa contenuta nel RD 1955/1923, considera la prestazione lavorativa quale “messa a disposizione” e non più come lavoro effettivo.

Tale principio, del resto, corrisponde a quanto stabilito con Direttiva CE 1993/104, secondo cui per orario di lavoro deve intendersi “qualsiasi periodo in cui il lavoratore sia al lavoro, a disposizione del datore di lavoro e nell’esercizio della sua attività o delle sue funzioni”.

Il principio, ribadito dai giudici di legittimità, può avere risvolti pratici molto importanti: si pensi al caso di scuole,filiali aziendali, dipartimenti articolate su più succursali o sedi staccate.
In questi casi, qualora il dipendente dovrà recarsi da una struttura all'altra (magari nell’ambito della stessa giornata), potrà legittimamente pretendere che il tempo di spostamento venga considerato a tutti gli effetti quale prestazione lavorativa.
I prodotti PCSistemi, permettono di conteggiare anche i tempi di spostamento tra sedi, imputando i giusti costi.

 

Su di noi

bandiera_italiaTutti i nostri prodotti di punta, sono sviluppati con tecniche all'avanguardia ed italiani al 100%. Questo permette maggiore sicurezza, compatibilità, reperibilità. Ogni prodotto parla la nostra lingua, perchè è stato concepito per il mercato italiano. Il personale che ha sviluppato i prodotti sono di nazionalità italiana.

Lo sapevate che ...

Se trovate il pulsante livemarks attivo nel Vostro browser  (oppure se lo vedete in alto a destra nel nostro sito vicino ai pulsanti per il ridimensionamento dei caratteri) significa che potete vedere gli aggiornamenti dell'argomento visualizzato direttamente nel Vostro programma RSS.
Leggi tutto...

Case History

unione-comuni-modenesiPCSistemi installa nell' Unione Comuni Modenesi un sistema di gesione presenze e controllo accessi per la supervisione del personale.
La soluzione, con tecnologia mista prossimità Mifare 13.56 e magnetica, permette ad ogni persona di utilizzare un'unica tessera per tutti i servizi messi a disposizione dall'ente (accessi, presenze, mensa, ricariche).