Arrotondamento e tolleranza sugli orari di lavoro

31 Gennaio 2020,

Arrotondamento e tolleranza sugli orari di lavoro

Perché arrotondare le timbrature di entrata ed uscita?

L’ arrotondamento è stato introdotto negli anni 70/80 dalle aziende private e, gradualmente, anche in molti enti pubblici per:

  1. Incentivare la puntualità;
  2. Semplificare i calcoli;
  3. Rispettare i colleghi;
  4. Rispettare i clienti.

Certo, si potrebbe risolvere con una semplice differenza matematica: se una persona entra alle 08.10 ed esce alle 12.10, ha svolto 4 ore di presenza come una persona che è entrata alle 7.58 ed è uscita alle 12.00 ( considerando che lo straordinario non viene retribuito se prima non vengono effettuati almeno 30 minuti).

Il non impostare regole più rigide, ha però generato una certa anarchia: il dipendente, potendo recuperare un ritardo in entrata nell’ uscita, poteva decidere quando recarsi al lavoro. Questo danneggiava l’azienda e tutti i lavori che sono collegati al ritardo della persona ( per esempio, le consegne di materiale).

Ecco perché l’ introduzione dei parametri “tolleranza” ed “arrotondamento” hanno fatto si che si potessero gestire in modo più ordinato le presenze.

Attualmente esiste, nei nostri software, la possibilità di impostare qualsiasi orario di lavoro, in modo di soddisfare ogni tipo di esigenza.

E’ possibile, ad esempio, programmare che le ore di presenza vengano calcolate tutte ogni 30 minuti con una tolleranza massima di 3: in questo modo, chi entra alle 08.02 è come fosse entrato alle 08.00 (rientra nella tolleranza dei 3 minuti), ma chi entra alle 08.05 è come fosse entrato alle 08.30.

In poche parole, si da una flessibilità (tolleranza) di entrata ma se viene oltrepassata si applica una “punizione” (arrotondamento) di 30 minuti.

Ovviamente questo è a titolo di esempio e può essere programmato a piacere, secondo le proprie esigenze.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Hai domande su questo articolo? Contattaci

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy policy riportata e consento il trattamento dei dati forniti conformemente a quanto previsto.